Crea sito
Yoga Satya logo testata

I CORSI DI YOGA SATYA IN LUGLIO ED AGOSTO – Vi comunichiamo che YOGA SATYA anche nei mesi di Luglio e Agosto (dal 17/7 al 10/8) propone lezioni di yoga, tenute da Chiara, con il seguente orario:  

  • martedì alle 9.00-10.00 e alle 19.00-20.15
  • giovedì alle 9.00 -10.00 e alle 19.00-20.15

Per informazioni e per prenotare potete chiamare Chiara al 3461279407.  

Durante le prime due settimane di Luglio il centro resterà  invece chiuso.

Infine vi anticipiamo che a partire da fine Settembre si attiveranno dei nuovi corsi. Per i dettagli del nostro calendario autunnale vi invieremo una nuova newsletter, nel frattempo seguiteci sempre su Facebook.  Vi aspettiamo a braccia aperte presso YOGA SATYA in Corso Quintino Sella 20 (zona Gran Madre).

Om Shanti  

Maddalena & Chiara

Yoga Satya logo testata

CORSI YOGA PER L’ESTATE 2017 A TORINO – I corsi di Yoga Satya continuano tutto il mese di Giugno, fino al 30, con le lezioni di Maddalena (raja yoga – dhyana yoga – hatha yoga dinamico) e fino al 14, con le lezioni di Chiara (centered yoga – yoga posturale). 

Nei mesi estivi il centro rimarrà chiuso dal 1 al 16 Luglio e sarà invece aperto dal 17 Luglio all’11 Agosto (con le lezioni di Chiara), con orario ridotto, che vi comunicheremo in seguito, per riaprire in Settembre. 

Vi ricordiamo che oltre ai corsi di gruppo sono sempre disponibili incontri individuali su appuntamento:
trattamenti reiki e incontri individuali con Maddalena
yoga individuale (Y.E.S.) con Chiara
trattamenti ayurvedici con Elena

Vi aspettiamo a braccia aperte presso YOGA SATYA in Corso Quintino Sella 20 (zona Gran Madre).

Maddalena & Chiara

lezioni yoga run e sport

Di Chiara Di Martino 

Yoga, i benefici per chi fa sport – Apparentemente lo yoga e la corsa si presentano, ad uno sguardo superficiale, come due discipline lontane e inconciliabili, in quanto nello yoga si ricerca il rilassamento fisico e la calma mentale, mentre  nella corsa viene esaltato lo sforzo fisico e la resistenza per ottenere un  risultato finale. Tuttavia, se andiamo più in profondità, scopriamo che  nella preparazione del corpo e della mente alla corsa e ad alcuni altri  sport come il ciclismo, lo sci alpinismo, e altre attività di endurance, sono necessari elementi quali l’attenzione, la concentrazione, la  consapevolezza, la resistenza e la costanza. Si rivela quindi una intima  connessione tra le due pratiche. Più in generale, possiamo dire che gli sport a cui abbiamo accennato, quando vengono praticati con intensità  e dedizione, trascendono la dimensione puramente tecnica e conducono ad una dimensione più ampia e, azzardando, possiamo anche aggiungere che portano ad “una dimensione spirituale”.

La corsa (soprattutto il mezzo fondo e la maratona) può essere considerata una forma di meditazione. In effetti, sempre più runner affiancano alla corsa gli asana, le posizioni dello yoga, per migliorare la postura, l’elasticità del corpo e il controllo del respiro.  Infatti, indipendentemente dal livello di bravura, ci ritroviamo a fare i conti con noi stessi, con le nostre emozioni, con le nostre paure e con i limiti oggettivi del nostro corpo e della nostra mente. Così come succede con la pratica dello yoga anche la corsa ci mette in contatto con una dimensione interiore mostrandoci quello che siamo veramente  e su cosa possiamo lavorare per progredire gradualmente.

Pertanto non basta solo “allenare” il corpo: anche l’aspetto mentale è importante, in quanto il rischio di infortuni, come anche il rischio di cadere in uno stato frustrazione è sempre presente. Quindi sviluppare le capacità di attenzione, concentrazione, controllo, insieme alla  motivazione e alla forza interiore giocano un ruolo importantissimo. Con la pratica yoga sviluppiamo equilibrio e consapevolezza che ci portano in dono conoscenze ed insegnamenti che interagiscono in  maniera profonda con tutto il nostro essere. Ognuno di noi vive lo yoga e lo sport con le proprie motivazioni, ma se  consideriamo i benefici non e’ difficile capire che lo yoga ci può portare  a sviluppare e potenziare modalità e qualità per affrontare al meglio il “mondo in corsa”. Ci riferiamo alle qualità fisiche, legate alla forza, alla  resistenza, alla flessibilità e all’equilibrio; alle qualità mentali, legate alla capacità di essere concentrati e di saper gestire situazioni  improvvise, oltre alle qualità emotive, ovvero quelle legate alla  capacità di vivere con serenità e gioia il tempo che trascorriamo correndo.

Lo yoga ci permette di interagire con tutti questi importanti aspetti della  corsa in quanto, durante la pratica, oltre a essere impegnati con il  nostro corpo, e quindi con i nostri apparati “articolari-tendinei-legamentosi-muscolari“, impegniamo anche la mente, divenendo  consapevoli attraverso la respirazione dei messaggi che riceviamo dal  nostro corpo-mente.  Attraverso l’esperienza di unità che la pratica yoga ci regala, si instaura un “meccanismo” che a livello teorico è difficile da spiegare, ma in realtà è una naturale conseguenza della pratica sul tappetino, in grado di risvegliare e di potenziare qualità nascoste, come ad esempio la  capacità di ascolto, di concentrazione, di riconoscere e accettare i  nostri limiti e quell’affascinante “vivere nel qui ed ora” che nella vita in  generale è essenziale.

Lo yoga, quindi, può essere un’utile pratica complementare per tutti  coloro che svolgono un’attività sportiva continuativa. La corsa fa bene se praticata con equilibrio, tenendo conto delle proprie condizioni fisiche,  dell’età e dell’allenamento specifico. In questo senso la pratica dello yoga può essere utile e necessaria per ottenere numerosi benefici.

  • Allineamento, allungamento e tonificazione. Le asana possono essere  eseguite per riscaldare e risvegliare tutto il corpo, e per rilassare e  distendere oltre al corpo anche la mente. Si pone l’attenzione sul  radicamento, sulla propriocezione, sull’allungamento della colonna vertebrale,  sull’apertura del torace per allentare le tensioni su dorso, spalle e collo e per  rendere forti e attivi correttamente i muscoli addominali e delle gambe
  • Prevenire gli infortuni. Accrescere la consapevolezza della postura aiuta  non solo a migliorare la tecnica della corsa e quindi le prestazioni ma anche a  prevenire gli infortuni. Infatti i benefici delle posture yoga aiutano i muscoli ad  allungarsi e a recuperare elasticità e tono, aspetti fondamentali soprattutto se  vogliamo praticare la corsa man mano che si va avanti con l’età, e quindi  proteggere e migliorare la propria salute. La corsa sottopone il corpo ad una serie di piccoli traumi ripetuti che alterano  gli equilibri fisici e di conseguenza anche psichici; praticare yoga come attività complementare, permette di mantenere efficiente il dialogo tra le varie  parti del corpo riducendo il rischio di infortunio, migliorando il coordinamento  e l’elasticità muscolare abbreviando i tempi di recupero dopo gli allenamenti.
  • Rilassarsi profondamente. Per imparare a gestire la propria energia vitale;  non si corre solo con le gambe, la mente ha un ruolo fondamentale, e grazie  allo yoga si imparano tecniche che consentono di allenare l’attenzione e la  concentrazione, qualità che sviluppano il controllo e affinano la propriocezione, favorendo maggiori capacità di equilibrio e valutazione delle  proprie condizioni psicosomatiche acquisendo maggiore consapevolezza di sé.
  • Perfezionare la respirazione. Gli effetti di una respirazione consapevole  sono sicuramente positivi sulla salute, sulla stabilità nervosa e sulle  prestazioni atletiche. Il profondo legame tra la respirazione e lo yoga è di  grande aiuto per un runner e grazie allo yoga si impara un metodo di  gestione della respirazione per adattarla alle diverse attività fisiche e  situazioni: un respiro consapevole e ben coordinato genera una maggiore  resistenza a lungo termine.

E’ buona disciplina dedicare almeno quindici minuti, per arrivare sino ad una mezz’ora alla pratica yoga affinché il corpo e la mente siano preparati al  meglio per affrontare con intelligenza e gioia la pratica della corsa e prevenire  patologie e disturbi.  L’antica disciplina dello yoga considera l’essere umano nella sua interezza,  nella ricerca dell’equilibrio e dell’unione fra corpo, mente e spirito ed in questo senso è un valido supporto se vogliamo correre felici e leggeri. In  questo modo scopriremo che queste discipline così diverse sono in realtà  perfettamente complementari.

IL PROGRAMMA DI APRILE – finalmente siamo felici di comunicarvi che è aperto lo spazio YOGA SATYA in Corso Quintino Sella 20 (zona Gran Madre).

I corsi iniziano a partire da Lunedì 3 Aprile. Chi ancora non ci conosce può venire a provare liberamente una o più lezioni o contattarci per vedere il nostro centro e ricevere tutte le informazioni necessarie. (Qui tutti i nostri contatti).

Nel corso del mese di Aprile ci dedicheremo a rendere più accogliente il nostro centro, con una biblioteca da cui potrete prendere gratuitamente in prestito libri sullo yoga e con una gallery di immagini che potrete vedere presto sul nostro sito.

Vi invitiamo Venerdì 5 Maggio, tra le 18 e le 21, all’INAUGURAZIONE, con “aperiyoga”!

Cominciando con la primavera, andremo avanti fino a tutto Giugno!

Riprenderemo le attività dopo metà Settembre.

Vi aspettiamo a braccia aperte,

Maddalena & Chiara

INAUGURAZIONE! – Maddalena e Chiara, con Elena, Camilla e Adriana, le insegnanti di Yoga Satya Torino, vi aspettano Venerdì 5 Maggio dalle ore 18 alle ore 21, per fare due chiacchiere e bere qualcosa insieme! La serata è aperta a tutti, venite pure con mariti, mogli, fidanzati, bambini.Durante l’aperitivo saremo liete di presentarvi le nostre proposte e di rispondere alle vostre domande!

Vi aspettiamo a braccia aperte presso YOGA SATYA in Corso Quintino Sella 20 (zona Gran Madre).

Maddalena & Chiara

Ricevi la nostra newsletter

Yoga Satya Torino